Bari, Str. Vicinale S. Giorgio Martire, 22 D
Collaudi e Prove di tenuta
Verifica dell’efficienza e funzionalità di condotte, pozzetti, serbatoi e cisterne

I collaudi e le prove di tenuta di condotte fognarie, acquedotti, gasdotti, serbatoi, pozzetti e cisterne sono fondamentali per assicurare la corretta funzionalità e rispondenza alle normative del manufatto.

Sono inoltre spesso necessari:

  • in fase di progettazione
  • per le attività di manutenzione ordinaria delle tubazioni
  • prima di poter rendere ufficialmente agibile una nuova tubazione.

Tutte le nostre prove di tenuta e i collaudi vengono effettuati rispettando i più stringenti requisiti normativi internazionali, nazionali e territoriali.

Tecniche e procedimenti

Le tecniche utilizzate per collaudi e prove di tenuta sono selezionate e personalizzate in base al tipo di condotta o di manufatto da testare.

A seconda delle necessità o della richiesta della direzione lavori, si effettuano:

  • collaudi e prove di tenuta AD ARIA
  • collaudi e prove di tenuta AD ACQUA

Tecnica ad aria: la tubazione viene sottoposta alla pressione di collaudo tramite l’utilizzo di un compressore

Tecnica ad acqua: 

  • Tubazioni a gravità: dopo aver sezionato il tratto da testare con palloni otturatori con bypass posizionati alle due estremità, si procede con il riempimento ad acqua attraverso il bypass del pallone posizionato a valle. Su quello di monte viene invece installato uno sfiato per l’uscita dell’aria durante le operazioni di riempimento.
  • Tubazioni in pressione: la tubazione viene riempita almeno 24 ore prima e svuotata di tutta l’aria presente all’interno della stessa, attraverso l’utilizzo di sfiati posizionati sui punti più alti. La tubazione viene quindi portata alla pressione di collaudo tramite una pompa elettrica o manuale.
  • Pozzetti e vasche: dopo aver installato i palloni otturatori sulle tubazioni di ingresso e di uscita, si procede con il riempimento del pozzetto o della vasca di acqua. Attraverso un particolare sensore ad infrarossi è quindi rilevato costantemente il livello dell’acqua. Il requisito di prova è soddisfatto se la quantità di acqua aggiunta durante il tempo di prova (30 minuti) non supera 0,40 l/m².

 

LA PRESSIONE DI COLLAUDO

In linea generale, le prove di tenuta idraulica di tubazioni in pressione di acqua e gas utilizzano una pressione pari ad una volta e mezzo la pressione di esercizio (P collaudo = 1,5 x P esercizio), condotte e reti fognarie vengono invece testate ad una pressione di 0,5 bar.

Più dettagliate indicazioni sono tuttavia fornite da specifiche normative.

 

LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO

I principali riferimenti normativi sono:

  • Normativa collaudo reti fognarie e pozzetti in calcestruzzo: UNI EN 1610
  • Normativa collaudo reti fognarie in PVC-PE: UNI ENV 1401-3
  • Collaudo idraulico delle condotte in Polietilene: UNI EN 805

 

LA STRUMENTAZIONE

La strumentazione utilizzata è composta da:

  • manometro digitale con sonda di temperatura e software per elaborazione dati;
  • manometri a glicerina;
  • palloni otturatori con bypass in caso di condotte a gravità;
  • pompa elettrica;
  • pompa manuale;
  • compressore;
  • sensore infrarossi per registrazione dati livello dell’acqua;
  • registratore di pressione a disco.

 

DOCUMENTAZIONE FINALE CONSEGNATA

Al termine del collaudo è redatta e consegnata una relazione dettagliata con:

  • rapporto fotografico di tutte le operazioni eseguite
  • report (grafico e tabella) con gli esiti delle misurazioni
  • tutte le tarature degli strumenti di misura utilizzati

In più, sono anche consegnate tutte le certificazioni aziendali relative all’attività eseguita.

VUOI RICHIEDERE MAGGIORI INFORMAZIONI O CERCHI UNA SOLUZIONE AL TUO PROBLEMA?
Richiedi subito informazioni
per questo servizio
1

    Ho preso visione della Informativa Privacy

    Altri servizi